Confido nell’autenticità di ogni singola azione,  compiuta da ogni persona di buona volontà, impegnata nel mondo della Scuola, affinché le nostre ragazze ed i nostri ragazzi, i genitori e tutte le Comunità scolastiche e sociali della nostra Calabria, possano percorrere i loro passi futuri nell’alveo della Legalità, del sapere e di quel coraggio indispensabile volto ad affrancare, definitivamente, la nostra amata terra da ogni degenerazione futura. La ricerca quotidiana della bellezza e le relazioni sociali sane, unitamente ad un sapere inclusivo ed un’agire cooperativo, potranno essere gli strumenti da utilizzare non soltanto nel mondo della Scuola ma anche nel mondo del lavoro e della vita. Occorre quindi praticare queste misure il più presto possibile, senza paura di sbagliare e senza rassegnazione, nel migliore dei modi. Infine, l’augurio più bello che io possa immaginare per quanti hanno imparato a sognare e per quanti vorranno farlo è manifestare in occasione la voglia di essere persone libere. Non esistono sogni troppo grandi.  Perciò, buon lavoro e Buon Anno Scolastico 2018-2019.

5 commenti su “Ricomincia la Scuola, auguri ad un mondo che sa guardare avanti.”

  • Caro Prof. Francesco RAO buon anno scolastico anche a Lei e a Te.
    A Lei per il profondo rispetto e stima che Le devo come Professore con la “P” maiuscola, impegnato con intensa dedizione a trasmettere cultura e saperi ai “Giovani studenti della Calabria”, a Te come carissimo Amico, sempre con la “C” maiuscola, per avermi dato modo di relazionarmi e confrontarmi con una persona di profonda cultura umanistica, giuridica e sociale, in assenza di barriere ideologiche.
    Sai Francesco il mio ultraquarantennale vissuto umano e professionale lontano dalla nostra amatissima Calabria, mi consente di esprimermi con una quantità enorme di esperienze, ritengo sufficienti per poter affermare che la nostra Scuola e i nostri studenti piccoli, Giovani e adulti, hanno fortemente bisogno oggi più che mai, in particolare in Calabria, di punti certi di riferimento per potersi orientare con cognizione di causa nel corso della loro crescita culturale.
    Bene Professore Rao, amico degli studenti e di tutti senza riserve, Lei e Tu, Francesco, rappresentate la parte migliore di un territorio complesso è complicato, la Calabria; dove la cultura e il sapere puó aiutare i Giovani e le loro famiglie a essere più consapevoli che lo sviluppo Civile e umano nella Legalità, sarà la chiave di volta per valorizzare un territorio e i suoi abitanti lasciati a vivere in un mondo di indifferenti ed egoisti.
    Grazie per gli auguri come Padre e come Nonno.
    Emilio Gen. Errigo

    • Gent.mo Emilio, più che professore continuo a sentirmi un piccolo ed eterno studente, avvolto dall’emozione e inebriato dalla bellezza dell’amicizia, quale sentimento sincero ed autentico destinato ad essere il principale elemento d’unione tra persone.
      Mi fa piacere sapere che una riflessione augurale, rivolta alla punta di diamante della nostra Calabria, riscontri sincera benevolenza. Ancor di più avverto il calore e l’affetto di un padre, di un nonno e di una persona che ha posto davanti ai suoi occhi la bandiera dell’Italia per portare sentimenti di pace e la cultura dell’aiuto e della cooperazione a popolazioni denudate, talune volte anche della loro stessa dignità, da una sopraffazione destinata a generare morte, odio e paura.
      Sig. Generale, sono io a doverLe dire grazie, condividiamo lo stesso sogno: vedere una Calabria più bella, libera e capace di creare un futuro per i nostri giovani.
      A presto.
      francesco rao

  • Caro Emilio, il tuo attaccamento alla terra natale è il segno che un futuro per il nostro MEZZOGIORNO può esserci.
    Quando gli amministratori capiranno queste cose la “rivoluzione “ culturale dei professori come RAO possono ritenersi soddisfatti

    • Buonasera Nicola,
      grazie di vero cuore per l’affettuosa testimonianza. Come asserisce il nostro comune amico Emilio, dobbiamo essere costantemente innamorati delle nostre origini, della nostra terra e sperare ardentemente nella bellezza del cambiamento, in meglio ed in bene, della nostra gente.
      Buona serata
      francesco rao

  • È così caro Nicola!
    Il Prof. RAO, per noi Francesco, interpreta da studioso delle realtà e problematiche sociali, i comportamenti di chi vive è opera o rimane indifferente sul territorio,
    cercando di far capire che il cambiamento è possibile a patto che ci siano persone capaci e volenterosi nel ss
    supportarlo.
    Ora Nicola si tratta di capire se questo stato di cose in posizione statiche possono o no meritare la dinamica o rimanere in stato di quiete apparente e stagnante, ignari che se il fuoco delle masse di Uomini e Donne pensanti in Calabria, coverà sotto la cenere,
    non tarderà l’ora che al primo soffio di vento il fuoco divamperà e il danno sarà irreparabile . Ciao Emilio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *